Il melograno è un albero, il cui frutto, la melagrana, si configura come un vaccino naturale per l’autunno, grazie alla sua azione immunostimolante per merito dei principi attivi in esso presenti.

Esso è un frutto tipico della stagione autunnale, lo ritroviamo, quindi, a partire da Settembre, al principio della sua maturazione fino a Dicembre circa, dove si carica di significato metaforico, divenendo simbolo di abbondanza, ricchezza e fertilità. Il suo nome deriva dal latino, letteralmente “mela granata”. Le sue origini  sono così antiche  da ricercarsi in quel che accadde anni addietro, da collocare persino prima della venuta del Cristo. Questo frutto è, infatti, tra le tante probabilità, così  benevolo per la nostra salute poiché così carico di significato religioso. Infatti, antiche leggende lo narrano come una sorta di personificazione di Dio, definendolo, il frutto di Dio. In effetti, ciò è quanto rievocano alcuni passaggi della Bibbia e non solo!

La melagrana, a partire dal Medioevo, compare anche raffigurato nei dipinti sacri. Tra i tanti, di meritevole nota è l’opera, la Madonna del Magnificat di Sandro Botticelli, nel quale è rappresentato il frutto in primo piano, tenuto tra le mani della Madonna e di Gesù Bambino, simbolo di resurrezione e di castità.

La melagrana si presenta, esternamente, similmente rassomigliante ad una mela con all’interno numerosi chicchi di color scarlatto dal sapore leggermente amarognolo; da cui, il nome.

Esso incarna la quintessenza della salute, l’unione di un sapore singolare con impareggiabili benefici.

Il frutto presenta un’elevata percentuale di acqua, un discreto contenuto di zuccheri e fibre. Dato il moderato contenuto di Kcal, circa 70 per 100 gr di prodotto, è indicato in diete dal ridotto consumo calorico. Contiene  vitamina C, vitamina A, vitamina E e vitamine del gruppo B. È ricco di minerali, in particolar modo, di potassio, ferro, calcio, magnesio e fosforo. La presenza di vitamine e antiossidanti contrasta il normale invecchiamento cellulare, favorendone la rigenerazione. Di fondamentale importanza, grazie alla presenza di antiossidanti, tannini e polifenoli, riesce a contrastare l’azione dei danni causati dai radicali liberi svolgendo, pare con indiscutibile successo, un’azione antitumorale. È un immunostimolante ed esercita un’azione adiuvante degli aspetti fisiologici che tendenzialmente sono soggetti ad inadeguati piani alimentari, quali, colesterolo e pressione. È un alimento depurativo, stimola la diuresi. Svolge un’azione di prevenzione nei confronti delle malattie cardiovascolari, proteggendo il cuore ed agendo come anticoagulante. Infine, è altresì utilizzato come rimedio cosmetico per pelle e capelli.

Questo facoltoso frutto rappresenta, in sintesi, un pool di protezione completo pronto a contrastare malattie infiammatorie e, puntualmente, a difenderci da malanni stagionali.