Domina incontrastata tra le ricette di cucina naturale e cure cosmetiche alternative, lei, la regina dei tuberi.

La patata, derivante dalla specie Solanum Tuberosum, manifesta dimostrata efficacia sia nell’ambito del buono che del bello, dunque, tanto dal punto di vista nutrizionale che nelle applicazioni relative ai rimedi naturali.

Oggi, data l’elevata predisposizione territoriale, quasi in tutto il Mondo si coltivano patate riuscendo, in questo modo, a coprirne il fabbisogno generale. Risulterebbero Cina, Stati Uniti, India, Russia ed Ucraina i maggiori produttori.

Fortunatamente, di specie la natura ne offre differenti varietà, soggettive nel sapore, nella cromia e nell’aspetto.

In linea generale, la patata è un alimento di origine vegetale contenente, in media, il 75% di acqua, uno scarso contenuto di grassi ed un buon apporto di carboidrati, amido, pari a circa il 17% del peso. Questo farinaceo contiene vitamine, in modo particolare, è presente vitamina C che gioca un ruolo importante al fine di un miglior assorbimento del ferro oltre che da antiossidante. Essa contiene anche minerali, quali, magnesio, ferro, fosforo e potassio. Quest’ultimo, stimolante di muscoli e del cuore.

E’ sempre consigliato conservarle al riparo dalla luce e di preferirne una cottura bollita o a  vapore, con la buccia. Mantenere quest’ultima è fondamentale in quanto in essa sono contenute fibre, essenziali ad assecondare il senso di sazietà. Per l’appunto, date le  suddette caratteristiche, la patata si presenta come un farinaceo particolarmente energetico e dall’elevato potere saziante. Tra l’altro, a causa del contenuto di amido, in una dieta alimentare bilanciata, esse possono essere tranquillamente inserite, a patto che si sia disposti a sacrificare il pane e la pasta.

..e dei rimedi di salute e bellezza di cui ne è principale protagonista, ne vogliamo parlare??

Calma i bruciori e lenisce i rossori, la sua acqua di cottura è utilizzato come trattamento antietà ed emolliente, mitiga occhiaie e borse, allevia il mal di testa, concilia il sonno..insomma..chi più ne ha, più ne metta!

Questo simpatico tubero è partito dal Sud America per raggiungere l’Europa, attraversando l’ Estremo Oriente fino ad arrivare ad allietare pranzi e cene del mondo intero divenendo, così, alimento desiderato e indiscusso della cucina mondiale..e non solo!