In un’accezione universalmente  accreditata, il tempo è una dimensione che scandisce il susseguirsi di eventi.

Si può..

..”ammazzare il tempo”..  dire che.. “il tempo è danaro”.. e .. stagionare i formaggi con il tempo!

La stagionatura dei formaggi è una pratica che ci riguarda molto da vicino!

Prima di noi, essa è stata adottata fin dai tempi più remoti e utilizzata per conferire maggiore personalità ai formaggi.

Di fatti, tutti i formaggi stagionati hanno un sapore ben più preciso di quanto, nella loro piena freschezza e  delicatezza, ne possano avere i formaggi freschi.

Questo processo, se eseguito a regola d’arte, consente al formaggio di prestarsi ad un notevole cambiamento, estetico oltre che di sapore.

La stagionatura può attraversare diversi gradi di maturazione, ognuno dei quali è connesso ad un differente lasso temporale che prevede un cambiamento sia strutturale, quindi estetico, che organolettico, dunque, dei valori nutrizionali. Esistono, allora, stagionature molto brevi, ad esempio, di una durata all’incirca di  30 giorni ed altre, più lunghe, che arrivano, invece, a toccare persino i 60 mesi ed oltre, divenendo formaggi a pasta dura.

Ad ogni modo, comunque esse siano, tutte ma proprio tutte, appariranno dopo questo periodo, dall’aspetto decisamente cambiato.  

Per mezzo della perdita di liquidi alla quale sono soggetti, essi diverranno con l’avere  una crosta naturale esterna dura e compatta ed  un sapore forte dal carattere molto più deciso e caratteristico.

Dal punto di vista nutrizionale, essi teoricamente  presenterebbero  una maggiore quantità di sodio, non sempre alleato dell’organismo.. ma, come per ogni ragionevole  causa, il segreto risiede sempre nel giusto equilibrio! Nel nostro specifico caso, sia il caciocostanzo di latte di bufala  che il caciocostanzo di latte di mucca presentano un limitato contenuto di sodio.

Sicuramente per coloro i quali risultano intolleranti al lattosio, avere la possibilità di mangiare stagionati è l’alternativa per concedersi la possibilità di assaporare formaggi in quanto, conseguentemente alla maturazione, il lattosio viene naturalmente scisso.  

Ricordiamoci che maggiore sarà la stagionatura, maggiore ne si guadagnerà in digeribilità.

E allora..

Perché mai non concedersi  del buon formaggio a lunga maturazione, magari abbinato ad una buona confettura di frutta oppure a del miele vergine integrale??