FORMAGGI FRESCHI: cosa sono?

Dal colore bianco latte e dalla consistenza tenera e cremosa, i formaggi freschi  rappresentano  un'ottima occasione di tenersi leggeri senza mai rinunciare al gusto e nulla temendo di aver perso il giusto apporto nutritivo. Ottimamente essi si prestano, che fuori faccia caldo o freddo, per l’aspetto easy  e sfizioso, tanto  ad aperitivi veloci quanto a cene impegnative.

Per ciò che ne concerne la classificazione, le vie sono infinite. Ciò che li renderà differenti sarà sicuramente la qualità di latte utilizzata o  il contenuto d’acqua ma da ciò prescinde, comunque, una comune verità. Quella rappresentata da una ben definita composizione qualitativa,  e, dunque, dei valori nutritivi.

Difatti, i formaggi freschi sono caratterizzati da un’elevata percentuale d’acqua e di lattosio. Essi risultano poco indicati per  coloro ai quali è stato riscontrato questo particolare disturbo, lieve o moderato che sia. Sono così definiti perché non sono sottoposti a nessun processo di stagionatura subendo, quindi, alcun cambiamento  tra la fase di produzione e quella di vendita. Quanto detto è tanto  vero che essi presentano una breve scadenza necessitando, quindi, di un consumo destinato a concludersi nel più breve tempo possibile. Si suppone, quindi, che esso vada a concludersi di lì a poco dal momento dell’acquisto.

Questa condizione si rende necessaria ai fini della preservazione del normale irrancidimento del latte che, ovviamente, potrebbe comportare l’alterazione di tutte le proprietà organolettiche dell’alimento  rendendolo, dunque,  soggetto di un gusto falsato ed un’ aroma  alterata rispetto a quella normalmente caratterizzante questa categoria di latticini.

In essi sono presenti  fermenti lattici vivi, nient’altro che microgranismi dotati di una funzione benefica per il nostro organismo. Essi, sino al momento del consumo restano vivi ed inalterati; dopo essere ingeriti, invece, raggiungono l’intestino, moltiplicandosi per apportarne i dovuti vantaggi. Uno tra questi,  annoveriamo forse quello più importante, è quello di riequilibrare la flora batterica intestinale ripristinando le normali funzioni biologiche dell’intestino aumentando le difese naturali dell’organismo, talvolta stressato a causa di uno stile di vita troppo frenetico o, ancor peggio, di erronee abitudini alimentari.  Ma non solo! I fermenti lattici vivi hanno il compito di mantenere inalterato il Ph, sono adiuvanti in caso di dissenteria o stipsi,  rinfrorzano  le difese immunitarie,  aiutano a contrastare le patologie infiammatorie, riducono le infezioni cutanee.

Tutti questi presupposti fanno da cornice ad un quadro idilliaco, sfondo di un’ imprescindibile combinazione che metterà d’accordo salute e gusto.