Oggi vi raccontiamo un po’ di cose sul latte di bufala, l’origine del gusto impareggiabile della Mozzarella Costanzo di Bufala.

L’Italia con i suoi trecentomila capi è il primo produttore europeo di latte di bufala, ci precedono, nell’ordine l’India (circa 100 milioni di capi, il Pakistan e la Cina con circa 20 milioni, il Nepal e l’Egitto con quasi 4 milioni ciascuno).

La qualità delle nostre bufale Mediterranee è mediamente molto elevata: sono le uniche ad essere iscritte ad un vero e proprio registro e quindi ad essere totalmente tracciabili sia in termini di carni che di latte. Inoltre, al contrario degli altri paesi producono latte per circa 270 giorni l’anno (circa il 10% in meno), questo le rende meno stressate e migliora la qualità media del latte.

Dal punto di vista della composizione il latte di bufala è più denso di quello di vacca e più ricco di proteine, grassi, calcio, magnesio e fosforo, a fronte di un contenuto molto più basso di colesterolo. Questo assicura una maggiore resa nella caseificazione con il risultato che i formaggi a base di latte di bufala risultano confrontabili con quelli vaccini in termini di composizione grassa. Il sapore, invece, è arricchito dalla particolare ricchezza di alcuni ceppi di lattobacilli che sono i principali responsabili della maggiore consistenza in termini di gusto dei prodotti bufalini

Infine, il latte di bufala contiene un maggior numero di antiossidanti naturali che gli conferiscono particolari caratteristiche probiotiche e il miglior rapporto tra calcio e fosfati lo rende più idoneo all’alimentazione infantile rispetto al latte di vacca.

In questo contesto di qualità media già molto elevata, il nostro allevamento si pone come eccellenza assoluta con una alimentazione totalmente naturale e controllata (con una buona quota di fresco) e una particolare cura al benessere dei nostri capi. Tutto questo contribuisce a conferire gusto e qualità ai nostri prodotti che si trasformano in benessere per i nostri clienti.