Ogni anno, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'Agricoltura (FAO) stima che avvenga uno spreco di cibo pari a circa 1.3 miliardi di tonnellate,

che tradotto in termini pratici, in Italia, corrisponde ad una perdita di circa 13 miliardi.

Un numero troppo elevato se lo si guarda da un punto di vista economico ma di un peso ancor maggiore se lo si inserisce in un contesto attuale socialmente già complicato e discutibile.

Pare che, con la crisi economica si sia verificato un decremento corrispondente a circa il 50% del totale ma che, ciò nonostante, comunque,

il punto d'incontro tra chi non ha da mangiare e chi invece non si preoccupa di sprecare, sia ancora molto lontano.

Purtroppo, è acclarata ed usuale una spiccata tendenza nel cestinare quantità innumerevoli di cibo anche se ancora gustosi oppure da poter destinare ad un uso diverso nei giorni successivi.

Di seguito, proveremo a darvi delle indicazioni per il riutilizzo dei prodotti  di nostra produzione per realizzare dei piatti sfiziosi ma semplici e saporiti.

Il primo passo da compiere è sempre quello di reperire tutti gli ingredienti di largo consumo che comunemente ci ritroviamo in casa, dopodichè,

diamo libero sfogo alla nostra fantasia.

Supponiamo di avere una cena improvvisa e di doverla preparare in pochissimo tempo.

Iniziamo!

Apriamo il frigo e prendiamo quei pezzettini di formaggi stagionati Costanzo tagliati a tocchetti

qualche giorno prima per un aperitivo ma avanzati e conservati. Sciogliamoli tutti insieme fino a fonderli e creiamo la nostra pasta ai formaggi fusi.

Un impiego facile e veloce ma soprattutto di gusto!

.. e poi?! Sempre in frigo, dovrebbe esserci la nostra soluzione.

Potremmo riutilizzare la ricotta in carta comprata in abbondanza qualche giorno prima,oggi ormai rafferma, essa si presterà in modo eccellente

per il prosieguo della nostra cena.

Prendiamo la ricotta ed adagiamola su di un piatto, pratichiamo dei tagli di circa 2 cm di spessore e piastriamola qualche secondo in padella.

Al termine, aromatizziamola a piacere, magari anche solo con del pepe nero semolato. Questa pietanza non ci porterà via più di 5 minuti a porzione.

E' quasi ora di accogliere i nostri ospiti, ci resta poco tempo per un contorno, a questo punto, ma non abbiamo intenzione di rinunciare nè alla preparazione nè

al gusto. In dispensa, dovremmo ancora avere del pane secco grattuggiato assieme a del cacio di bufala stagionato,

un mix sfizioso per gratinare qualche minuto le nostre verdure a forno.

A questo punto, non ci resta che stappare una buona bottiglia di vino rosso e..perchè no? Magari, conservarne gli avanzi per aromatizzare nei giorni successivi

un risotto oppure della carne.

Adesso, la nostra cena è pronta, poca fatica e massima resa! Economica, semplice e veloce.

Non è stato, poi, così difficile, no?

Sù..Mettiamoci alla prova con la cucina degli avanzi!

Impegnamoci affinchè le vecchie buone abitudini di non sprecare cibo ritornino, per noi, come degli imperativi quotidiani!

Infondo, è sempre stato il cuore l'ingrediente più importante di qualsiasi infallibile ricetta!